giovedì 10 dicembre 2015

Marchi +2: agevolazioni per la registrazione all'estero

Marchi +2 - Foto di Alberto Cardino (Duomo e Battistero di Parma)
 Foto di Alberto Cardino (Duomo e Battistero di Parma)

Il bando Marchi +2, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) e da +Unioncamere e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 282 del 3/11/2015, prevede l'erogazione di agevolazioni a beneficio di PMI singole titolari o utilizzatrici di un marchio, o di più PMI contitolari di un unico marchio, per l'acquisto di servizi specialistici finalizzati all'estensione del medesimo marchio all'estero. L'agevolazione prevista dal bando Marchi +2 consiste in un contributo a fondo perduto fino ad un importo massimo di € 20.000 per impresa, con l'obiettivo di sostenere la registrazione di marchi comunitari presso l'Ufficio per l'Armonizzazione del Mercato Interno (+OAMITubes) e/o di marchi internazionali presso l'Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (+WIPO).
Le PMI beneficiarie devono aver almeno depositato la domanda di registrazione del marchio a livello nazionale. Sono ammissibili alle agevolazioni di Marchi +2 le spese, sostenute a partire dal 1/02/2015 e comunque prima della data di presentazione domanda, relative a progettazione, assistenza al deposito del marchio, ricerche di anteriorità, assistenza legale, tasse di deposito. Il contributo può raggiungere la percentuale massima dell'80% delle spese ammissibili, che sale al 90% nei casi di registrazione del marchio negli USA o in Cina.


Le domande sul bando Marchi +2 devono essere presentate "a sportello" a partire dal 1 Febbraio 2016, fino ad esaurimento delle risorse.  


Sommario Scheda Marchi +2


1. Riferimenti normativi
2. Obiettivi
3. Risorse disponibili
4. Beneficiari
5. Requisiti soggettivi
6. Spese ammissibili
7. Tipologia e misura dell'agevolazione
8. Presentazione e valutazione delle domande
9. Erogazione
10. Riferimenti sul web



1. Riferimenti normativi

  • Convenzione MISE - +Unioncamere del 31/07/2015 per la concessione di agevolazioni alle PMI finalizzate all'estensione all'estero dei propri marchi
  • Bando Marchi +2 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3/12/2015 n. 282, Serie Generale

2. Obiettivi


Supporto alle PMI per la valorizzazione dei titoli della proprietà industriale, in particolare per la tutela dei marchi all'estero attraverso agevolazioni per l'acquisto di servizi specialistici finalizzati alla registrazione di:

3. Risorse disponibili


Euro 2.800.000, di cui Euro 140.000 riservati alle imprese che abbiano ottenuto il Rating di Legalità


4. Beneficiari

  • PMI singole con sede legale e operativa in Italia, titolari di un marchio o in possesso di un accordo di licenza con un terzo titolare del medesimo
  • Più PMI contitolari di un marchio

5. Requisiti soggettivi


A) REGISTRAZIONE MARCHI COMUNITARI

Le imprese devono aver depositato (e assolto le relative tasse) una domanda di registrazione presso UAMI:
  • di un marchio registrato (o per il quale sia stata depositata domanda di registrazione) a livello nazionale e di cui si abbia già la titolarità
  • oppure di un marchio acquisito da un terzo e già registrato (o per il quale sia stata depositata domanda di registrazione) a livello nazionale

B) REGISTRAZIONE MARCHI INTERNAZIONALI

Le imprese intenzionate ad estendere i propri marchi [l'Unione Europea è considerata a tal fine un singolo Paese], anche con designazioni successive, tramite procedura OMPI devono:
  • essere titolari di un marchio registrato a livello nazionale o comunitario
  • oppure aver già depositato (e assolto le relative spese) la domanda di registrazione nazionale o comunitaria

6. Spese ammissibili


A) REGISTRAZIONE MARCHI COMUNITARI

Spese sostenute e/o da sostenere a partire dal 1/02/2015 e comunque prima della presentazione della domanda:
  • a) Progettazione del nuovo marchio (verbale e grafica)
  • b) Assistenza per il deposito ad opera di un consulente in Proprietà Industriale / Avvocato / Centro Patlib
  • c) Ricerche di anteriorità per verificare l'esistenza di marchi identici e/o simili che possano entrare in conflitto con quello in oggetto
  • d) Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in caso di opposizione / rifiuto / rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione (agevolazione richiedibile anche successivamente alla concessione, pur nei termini di vigenza del Bando, con un'integrazione alla domanda)
  • e) Tasse di deposito presso UAMI (da assolvere prima della presentazione della domanda)

B) REGISTRAZIONE MARCHI INTERNAZIONALI

Spese sostenute e/o da sostenere a partire dal 1/02/2015 e comunque prima della presentazione della domanda:
  • a) Progettazione del nuovo marchio nazionale / UAMI (verbale e grafica) utilizzato come base per la domanda internazionale da depositare entro 6 mesi dal deposito di quella nazionale o comunitaria
  • b) Assistenza per il deposito ad opera di un consulente in Proprietà Industriale / Avvocato / Centro Patlib
  • c) Ricerche di anteriorità per verificare l'esistenza di marchi identici e/o simili che possano entrare in conflitto con quello in oggetto
  • d) Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in caso di opposizione / rifiuto / rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione (agevolazione richiedibile anche successivamente alla concessione, pur nei termini di vigenza del Bando, con un'integrazione alla domanda)
  • e) Tasse di deposito sostenute presso UIBM o UAMI e presso OMPI per la registrazione internazionale (da assolvere prima della presentazione della domanda)

7. Tipologia e misura dell'agevolazione


Contributo a fondo perduto fino all'80% (90% per USA o Cina) delle spese ammissibili e fino ad un importo massimo complessivo per azienda di Euro 20.000 [in caso di contitolarità del marchio, l'agevolazione spetta pro-quota a ciascuna impresa contitolare], nel rispetto dei seguenti importi massimi per voce di spesa:
  • Progettazione verbale del nuovo marchio: Euro 500 (550 per USA e/o Cina)
  • Progettazione grafica del marchio logotipo: Euro 1.500 (1.650 per USA e/o Cina)
  • Assistenza per il deposito del marchio: Euro 300 (350 per USA e/o Cina)
  • Ricerca di anteriorità tra i marchi italiani, comunitari e internazionali estesi all'Italia: Euro 550 (630 per USA e/o Cina)
  • Ricerca di anteriorità UE (28 Paesi): Euro 1.000 (1.200 per USA e/o Cina)
  • Ricerca di anteriorità per ciascun paese non UE: Euro 800 (900 per USA e/o Cina)
  • Assistenza legale per tutela marchio: Euro 2.200 (2.500 per USA e/o Cina)
e per misura progettuale:

A) REGISTRAZIONE MARCHI COMUNITARI

Contributo massimo complessivo per domanda: Euro 6.000

B) REGISTRAZIONE MARCHI INTERNAZIONALI

Contributo massimo complessivo per domanda:
  • Euro 6.000 per la designazione di UN SOLO PAESE (Euro 7.000 per USA o Cina)
  • Euro 7.000 per la designazione di DUE O PIU' PAESI (Euro 8.000 per USA e/o Cina + uno o più altri Paesi)
  • Designazioni successive cumulabili fino a Euro 7.000 (8.000 per USA e/o Cina)
  • Per domande di registrazione internazionale depositate prima del 1/02/2015, è possibile fare richiesta SOLO per le designazioni successive, fino ad un importo massimo di Euro 2.000 per un solo Paese ed Euro 3.000 per due o più Paesi 

8. Presentazione e valutazione delle domande

  • Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione nel limite del massimale di Euro 20.000
  • Procedura di presentazione "a sportello":
    • Richiesta n. protocollo a partire dalle ore 9:00 del 1 Febbraio 2016 e sino ad esaurimento delle risorse disponibili
    • Invio della domanda per PEC entro 5 giorni dalla data di protocollo
  • Valutazione delle domande secondo l'ordine cronologico di presentazione e sino ad esaurimento delle stesse
  • Esito dell'istruttoria entro 90 giorni dalla data di assegnazione del protocollo

9. Erogazione


In unica soluzione entro 60 giorni dalla comunicazione di concessione dell'agevolazione

10. Riferimenti sul web


Scarica tutta la documentazione utile sul sito www.marchipiu2.it


RIPRODUZIONE RISERVATA



Tweets